Dal 27 Settembre
in tutte le librerie e su Amazon

“Tutti incontrano difficoltà durante il proprio percorso, ma ci sono volte in cui la vita ci mette davanti a sfide che sembrano insormontabili. È quello che succede all’autrice di questo libro, che si ritrova all’improvviso a dover combattere contro la propria mente e il proprio corpo per cercare di riacquistare almeno una parvenza di normalità. In situazioni disperate, alcuni possono decidere di arrendersi, altri fanno da tutto per andare avanti, anche se a piccoli passi. L’autrice raccoglie i passi compiuti per guarire in questo diario, che racchiude forze e debolezze di chi si ritrova a lottare contro un male terribile come l’ictus.”

Fiori di Ictus

Dal 27 Settembre in tutte le librerie e su Amazon

Sono nata due volte.

A questo punto deduco che sia come un gatto, quindi mi mancano solo cinque vite.

Il “C’era una volta…” non comprende solo me ma tutte le persone che non riescono a venir fuori dal tunnel. Io ho scritto questo Diario per far capire a tutti i lettori che non ci saranno solo cose belle e buone nella vita. Come ho scritto io nei miei versi, ho avuto alti e bassi, bassi e alti, up and down. È giusto così, altrimenti non sarebbe vita, però bisogna avere il coraggio di azzardare, di lottare, di combattere per quello che desideri. Se la negatività è padrona, non riuscirai mai ad attirare cose positive.

Il vivere nuovamente mi ha fatto riscoprire alcuni lati nascosti, sia su di me che su altre persone. Io sono sempre stata convinta che ogni cosa che succeda, bella o brutta, è un segno.

Da un fiore raccolto ad avere una malattia, bisogna solo ascoltare sé stessi e arrivare al nocciolo. Tutto qui, anche se bisogna lavorarci.

Io sono contenta del mio percorso, in questi cinque anni ho fatto di tutto e di più; parlo dal punto fisico, psichico, mentale e spirituale. Vi ho raccontato tutto di me per farvi capire che non c’è niente, o quasi, che vi possa fermare.

Se il Creatore ha deciso di salvarmi (anche se non era troppo sicuro), ci sarà un motivo ed è, probabilmente, quello di aiutare altre persone. 

Il vostro scopo qual è?